domenica 21 ottobre 2007

Marco Fadiga...che Fatica!

Le temperature si sono abbassate repentinamente. Fa freddo e' cominciato l'inverno. Il corpo si abitua a nuovi ritmi, piu' lenti, a nuovi cibi, piu' indulgenti. Insomma col freddo si ha voglia di ambienti e cibi che sappiano infonderti calore e coccole.
Cosi', ieri, mi viene l'idea di prenotare un tavolo al Marco Fadiga Bistrot. Volevo passare una serata romantica con l'Amato, da me fugacemente in visita, prima che volasse verso London questa mattina...:(((
La serata che prometteva bene, si e' invece, trasformata in un crescendo di delusione e seccatura.
Mi spiace, dover fare una segnalazione negativa, ma a volte, si prendono anche delle "sole" ed e' giusto, che i consumatori facciano delle critiche.
Il locale molto carino, arredato in stile bistrot francese appartiene alla catena Jeunes Restaurateurs d'Europe,
gia' questo dovrebbe essere un segno di garanzia e professionalita' ma e' proprio quest'ultima a mancare, ahime'!






















Innanzitutto non abbiamo ricevuto nessuno stuzzichino di benvenuto!
Il cameriere che ci ha servito era un ragazzo francese giovanissimo, con grossi problemi di comprensione della nostra lingua e non solo..perche' poi son arrivati altri avventori, americani ed e' andato completamente nel pallone. Non dico che bisogni avere una laurea in lingue..ma se sei in un ristorante e ti chiedono del "bread" e' veramente difficile non capire, soprattutto se ti fanno segno col cestino!
Insomma, il ragazzo era veramente impreparato, ci ha versato il vino sulla tovaglia due volte, e si sbagliava con tutte le altre ordinazioni degli altri tavoli.
Va bene, puo' capitare, magari e' uno studente dell'Erasmus che arrotonda, magari quello e' il suo primo giorno..su non facciamo i cattivi, anzi, sorridiamo e cerchiamo di non mettere alcuna pressione!
Pero', non posso tollerare che i piatti arrivino freddi a tavola! Mangiare la pasta fredda anche se di buon sapore e' tremendo ( a meno che non sia la pasta e fagioli che fa la mia mamma..ma questo e' un altro discorso)!
Voglio chiudere un occhio anche stavolta, ma proprio non posso chiuderlo se i secondi mi arrivano dopo un'ora e venti d'attesa! Li' inizia un processo di insofferenza. I succhi gastrici mi hanno rovinato lo stomaco e l'appetito. Del resto non avevamo chiesto nulla che abbisognasse di lunga preparazione, ne' tantomeno eravamo stati avvertiti di una cosi'lunga attesa. C'e' da dire inoltre, che siamo arrivati alle 20.30, quando il locale non era ancora pieno, per cui tale ritardo non puo' ascriversi all'affluenza della clientela, quindi..qual'e' la causa di tutto cio'? Gli altri clienti nostri vicini di tavola si sono visti presentare la carta dopo un'ora e mezza dal loro ingresso. Ci guardavano allibiti...veramente imbarazzante!
Il fagiano era stato cotto troppo, la carne era stopposa e secca e inoltre dov'era la carne? C'erano un'aletta e tre pezzetti anche questi...gelidi cosi' come la sfogliatina.
La tartare..beh, quella deve essere fredda...unica coerenza della serata, ma la qualita' e il condimento non erano di primo ordine!
Ci siamo tenuti ben lontani da ordinare il dessert. Abbiamo chiesto subito il conto..e quello
stranamente..e' arrivato subito. Mi spiace magari non era la serata giusta, ma e' stata una cena veramente disastrosa!
Il Conto
2 primi
2 secondi
1 calice cabernet sauvignon
i bottiglia d'acqua
55 euro.
Risotto al Baccala' mantecato-Paccheri al nero di seppia























Tartare di Ricciola-Fagiano con sfoglia, castagne e cipolla di Tropea






















Marco Fadiga Bistrot
via Rialto, 23/C 40124 Bologna (BO)
Tel. 051 220118 - Fax 051 220118

9 commenti:

davide bergonzoni ha detto...

Devo ammettere che dal suo commento non si evince nulla di buono in merito al Marco fadiga Bistrot. Ci tengo a scriverle che con ogni probabilità è stata molto sfortunata, poiché in quel posto, di norma, si passano dei bei momenti.
Chi le scrive è un caro amico di Marco Fadiga, non glielo nascondo, ma lo sono diventato col tempo e, soprattutto, passando prima dal "grado" di cliente.
Se le scrivo è perché mi dispiace che per una serata sbagliata le si tolga la possibilità di apprezzare questo posto come quello.
Spero che vi ritornerà. Solitamente anche il giovane ragazzo francese, almeno l'italiano lo parla...
Considerando giustamente più che lecita la sua opinione, mi permetto però di dissentire sul commento in merito alla scarsa qualità dei prodotti, in particolare riferimento alla taretare.
Riguardo ai motivi per cui un servizio può andare storto, sono molteplici. Si scorda spesso che gli chefs sono esseri umani. E se nel meccanismo qualcosa salta, recuperare può essere faticoso.
Non capita solo a Fadiga. Capita anche ai grandissimi.
Scusandomi per il tempo rubatole, le auguro di passare dei bei momenti culinari e la incito a riprovare il Marco Fadiga Bistrot che tanto l'ha delusa.
Coriali saluti
Davide Bergonzoni

sciopina ha detto...

caro Sig Bergonzoni,
sono felice di aver ricevuto questo suo commento. Mi spiace che quella serata sia andata un po' storta, ma come dice lei siamo umani e a volte si puo' sbagliare.
Di solito torno sempre due volte nello stesso posto proprio per rendermi conto se ho torto o no. Non manchero' di visitare nuovamente il Marco Fadiga Bistrot.
Cordiali saluti
sciopina

Davide Bergonzoni ha detto...

...mi fa molto piacere...scusi per il commento scritto di fretta, dalla tartare "tartare" e "questo posto come quello"...ho appena riletto ciò che ho scritto...un "errata corrige" giusto per la forma alla quale tengo :). Buon proseguimento
Davide Bergonzoni

Davide Bergonzoni ha detto...

...mi scusi se la ossessiono...comunque, per la precisione, "Jeunes restaurateurs d'Europe", non è una catena di ristoranti, ma un'associazione di cuochi di tutta Europa.
Altri saluti
Davide Bergonzoni

luifi ha detto...

Gentile Sig. Bergonzoni,

innanzitutto complimenti per la sua promozione dal "grado di cliente" al "grado di amico" dello chef. Se raggiunta a suon di conti salati, complimenti ulteriori.

Le faccio notare che se si pagano conti salati, è giusto aspettarsi un alto livello della controprestazione. In termini di qualità sia del cibo che del servizio.

Un locale pretenzioso non ha il diritto di sbagliare neanche una serata. Così come il cliente non ha il diritto di entrare mangiare e uscire senza pagare.

Un amico

PS: visto che tiene alla forma, si dice "cordiali saluti", non "coriali". Prima si rilegge, poi si invia. Non il contrario...

Anonimo ha detto...

Buonasera.
Sono un appasionato di buoni ristoranti è con alcuni amici siamo soliti visitarne molti.
Al ristorante bistrot siamo andati a cena alcune volte, ma la valutazione che possiamo esprimere è non buona.
La formula proposta ha sicuramente effetto per chi non è abituato a frequentare ristoranti di alto livello, qui abbiamo ricette decenti ma con un prezzo troppo alto, un servizio con camerieri da pizzeria poco adeguato all'immagine che si vuole dare.
la nostra ultima esperienza è stata di ordinare plateau royale nel quale vi erano più "conchiglie" che altro.

Paolo Vitali
GRUPPO AMICI DELLA BUONA CUCINA

Anonimo ha detto...

Il ristorante è carino ma credo che abbia già fatto il suo tempo.
Le ricette sono banali e solo a bologna ci può ancora essere qualcuno che gli da peso.
In molti altri ristoranti vi sono chef che propongono ricette costruite così.
Io sono andata recentemente con dei clienti stranieri abbiamo aspettato un ora, in un piatto abbiamo trovato dei capelli, lo abbiamo segnalato e nessuno si è degnato di venire a scusarsi.
Francamente c'è più immagine che qualità.
Paola F.

manuel ha detto...

Evidentemente è stata sfortunata, questo Bistrot è l'unico che propone una cucina di qualità che è allo stesso tempo raffinata e innovativa, con inserimenti di piatti "speciali" come la "pizza senza pizza" e il "Caprese Sushi" che sono veramente delle chicche uniche. L'ambiente è rilassante e creativo, insomma ce ne fossero altri così a Bologna...

Gloria ha detto...

Io ho mangiato molto bene...sono stata trattata con estrema gentilezza sia dai camerieri sia da Fadiga...sono un'appassionata di tartare e devo dire che era meravigliosa...non posso dire nulla di male ed anzi non vedo l'ora di tornarci... certo i prezzi non sono da trattoria ma non mi sembrano poi tanto esagerati. Ah volevo sottolineare che sono una a cui piace molto mangiare bene e che se mangia male non ha problemi a farlo notare.
Grazie per l'attenzione.
Gloria