domenica 20 giugno 2010

Torta de Aceite..

Alcuni anni fa mentre passeggiavo fra i banchetti di Borough Market mi soffermai in uno stand spagnolo. Non sapevo che fosse Brindisa, il negozio dell'attiguo tapas bar, non ero ancora una foodblogger, non fotografavo, nè tanto meno cucinavo chissà che, ma un pò di curiosità per cibi nuovi ce l'avevo. Lessi su una confezione: torta de aceite e pensai:" ah, questi saranno ottimi per accompagnare qualche insalata." Una volta a casa mi resi conto che erano una sorta di grandi biscotti dolci. Dolci come piacciono a me, cioè poco dolci. Non mi dispiacque affatto non poter accompagnare la mia insalata, avevo trovato una delizia per il caffè mattuttino o per la merenda pomeridiana. Questo biscotto o tortina croccante è leggerissimo e ha meno calorie di una barretta proteica, intorno alle 150 calorie, ma volete mettere il gusto? Gli ingredienti sono semplici: Farina, semi di anice, olio extra vergine d'oliva, zucchero e un pò di liquore all'anice. Cotte in forno e poi avvolte una ad una in carta oleata. Nelle scorse settimane trovandomi al super mercato l'occhio mi cade dinuovo su queste bellissime tortine che finiscono subito nel carrello. Erano loro! Quelle che avevo mangiato tanti anni fa a Londra.
Chiedo subito informazioni e ricetta ai colleghi spagnoli e scopro che è un dolce andaluso vecchio 100 anni creato da una signora di nome Ines Rosales ,venuta in possesso della ricetta originale araba nel 1910. La cara dolce signora, che Dio l'abbia in grazia, se la passava molto male e dovette rimboccarsi le maniche e aguzzare l'ingegno. Prese in prestito il forno pubblico a fine giornata mettendosi ad impastare e a infornare le tortine per poi venderle l'indomani nei vari angoli della città. Le tortas ebbero un successo incredibile e crebbero in popolarità. Cosi' dai cesti portati sottobraccio da Ines i suoi eredi si ritrovano oggi con un impero dolciario!


INGREDIENTI:
1/2 Kg Farina
10gr Lievito di Birra
180gr Zucchero
150gr Olio Evo
2 Cucchiaini di semi d'anice
2 Cucchiai di Liquore all'anice
Buccia di Limone Grattugiata

Mettete la farina su di una spianatoia, versate il lievito sciolto in acqua tiepida. Versate l'olio coi semi d'anice, la buccia di mezzo limone grattugiata, il liquore e qualche cucchiaio di zucchero. Mettete a lievitare per un'oretta. Poi prelevate delle palline dalla pasta e stendetele sottilmente. Ponetele su della carta forno e cospargetele con zucchero. Infornate per 20 minuti a 170 gradi, finchè non saranno belle dorate e croccanti. Fatele raffreddare e servitele con caffè, tè o con la bevanda che piu' vi piace.

5 commenti:

Milla ha detto...

Non li conoscevo, ma sono sicura dalla tua descrizione che mi piaceranno molto! Interessante anche la loro storia. a presto

paolo ha detto...

io dico ...fantastica!
buona settimana

Acquolina ha detto...

che bella storia! devo provarli!!!
ciao

La Gaia Celiaca ha detto...

che belline queste tortine! l'anice poi a me piace molto.
da provare.
e bel racconto...

maris ha detto...

Trovo questi biscotti/tortine stupendi! Io, poi, adoro l'anice e quindi fanno per me ;-)
Li proverò quanto prima!!