martedì 22 settembre 2009

Verona La Locanda di CastelVecchio, Retrogusto e Il Cenacolo

Ritornano le recensioni, i ristoranti e i viaggi.
Vi lascio tre indirizzi veronesi per chi si trovasse in questa splendida città.

La Locanda di Castelvecchio
Un locale storico risalente alla metà dell'800". Prima di diventare la bella e fascinosa locanda che conosciamo oggi, fu la prima salsamenteria veronese. I locali interrati una volta adibiti alla norcineria oggi sono fornite cantine. L'ambiente elegante e ricercato contrasta con la cucina semplice e tradizionale. Pochi piatti ma veramente buoni. Pasta e fagioli, tagliatelle con fegatini, sarde in saor e poi il piatto principe, il piatto per il quale si viene in questo locale: Il bollito e le sue salse. Un carrello s'avvicina al vostro tavolo, voi scegliete la selezione che piu' v'aggrada e l'esperto cameriere o il patron vi affettano le prelibatezze. Salsa verde, mostarda e salsa peirà, arrivano nelle loro grandi salsiere a compiere il rito. Un calice di amarone completa l'opera. I dolci anch'essi buoni meritano un assaggino. L'unico neo il conto, come tutti i locali veronesi di un certo tipo è un pò caro, ma se paragonato ai conti della Bottega del vino la cui cucina da qualche anno lascia anche un pò a desiderare, risulta economico!




























































































Ristorante Il Cenacolo
Anche questo è un indirizzo storico di Verona, frequentato dagli artisti lirici dell'Arena e dai melomani che seguono le stagioni. Anche qui regna il veneto in cucina. Ottimo risotto, antipastini misti e carni cotte sulla brace dell'enorme camino che domina la sala principale.
Ottimo rapporto qualità prezzo.


























Osteria A Formaggi Retrogusto
Retrogusto con i suoi 400 tipi diversi di formaggi è sicuramente un indirizzo da tenere bene in mente per gli acquisti o per una veloce degustazione in loco. I tavolini sono pochi e il momento piu' adatto secondo il mio parere è l'aperitivo serale. Una serie di stuzzichini stuzzicanti col vostro calicetto di custoza. Oltre ai formaggi con mieli e composte vi consiglio anche i salumi come la mortadella al tartufo, la carne salà e il prosciutto sauris. Una vera e propria boutique con paste esclusive, olii e altri manicaretti, ma attenzione al portafogli. Sono veri e propri beni di lusso!

7 commenti:

Claudia ha detto...

Sto morendo a leggere di tutta quella roba da mangiare!!! :-ppp gnammmm bacioni...

sabrine d'aubergine ha detto...

Ogni tanto una bella recensione, fa piacere (e diciamocelo: in vista di weekends enogastronomici, fa pure comodo!). Grazie e buona giornata

Fra ha detto...

Mamma che bei posti...mi è venuta l'acquolina a vedere tutti quei bellissimi piatti e a leggere le specialità che propongono
Grazie
fra

Rossa di Sera ha detto...

Sciop, grazie per la segnalazione, ma chissà quando capiterò a Verona...
Un bacio!

astrofiammante ha detto...

Sciopììì, ma che bel omaggio che fai alla città di Verona, ci sei stata in tutti? Il cenacolo è proprio uno dei miei preferiti, specialmente d'inverno con quel bel camino acceso...alla locanda si mangia bene, ma come dici tu sembra un po' caro, a parità di menù preferisco il Torcolo

se ti trovi da queste parti provalo, il titolare è una macchietta di suo.....mentre da retrogusto, ci faccio delle capatine per shopping di formaggi particolari....
anche la trattoria Casa vino è da provare, la signora che lo gestisce è sorella della titolare del cenacolo, ed è lì a pochi passi. Ciao!!

Anicestellato ha detto...

Grazie come sempre per i tuoi dettagliati reportage gastronomici e non, un abbraccio

Masterchef ha detto...

..............senza parole.............