domenica 22 agosto 2010

Menestrella..

La menestrella non è il femminile di menetrello e non ha niente a che fare con bardi, giullari ed intrattenimenti di corte. Si tratta solo di una parola dialettale irpina che sta per minestra.
Parlo di una zuppa a base di foglie di zucchina, zucchine, fiori e patate. Si utilizza praticamente tutto della pianta di zucchina. Le foglie devono essere tenere e giovani cosi'come le zucchine e i fiori. Si serve col brodo di cottura e il pane raffermo.


INGREDIENTI:
Foglie di Zucchina
Zucchine
Patate
Fiori di Zucchine
Aglio
Origano
Olio
Peperoncino
Sale

Lavate le verdure. Pelate le patate e tagliatele a quadrotti. Fate soffriggere l'agklio in padella aggiungendo tutte le verdure. Coprite con un coperchio altrimenti vi schizza l'olio bollente, perchè le verduere devono essere grondanti d'acqua. Continuate la cottura aggiungendo altra acqua finchè le patate non saranno cotte. Aggiungete l'origano e il peperoncino. Salate e mescolate il tutto. Servite la zuppa calda accompagnata da crostoni di pane.

5 commenti:

margherita ha detto...

ti ringrazio per la ricetta...quanto è buona nella mia memoria ...ho un pò di zucchine con i fiori ora provvedo

Luca and Sabrina ha detto...

Evviva la menestrella allora, queste ricette tradizionali sono sempre quelle che ci intrigano di più, viaggeremo dentro ad un piatto!
Baci da Sabrina&Luca

carmen ha detto...

Anche mia mamma la preparava, con le cimette delle piante di zucchine, una minestra buonissima che preparo appena posso anche io un bacio

simoff ha detto...

bella questa ricetta dal sapore antico....

giulia pignatelli ha detto...

che buona questa minestra, accipicchia!!!