mercoledì 29 ottobre 2008

There's a Mouse loose in the house!

Da due giorni è iniziato il freddo. Il freddo quello con sciarpe, cappelli, guanti e tutto il resto. Il freddo secco e pungente del Nord. Il freddo con la neve sulle montagne e il sole alto in cielo, unito a nubi grigie, che lo coprono ad intervalli di tempo regolari. La pioggia che a volte, improvvisamente arriva senza nessun preavviso. Gli scoiattoli che continuano ad andare su e giu' con le loro provviste e un bel topino in casa! Si avete capito bene un topino di quelli che assomigliano a GerryMouse. Col musetto simpatico...ma pur sempre un topo! Vi immaginate me alla scrivania nella sittingroom, all'una di notte, scartabellare fra le cartelle del computer, girarmi lentamente per sgranchirmi il collo e vedere una lanugine nera/marrone dileguarsi piu' veloce della luce sotto al mobile del televisore? PANICO! Cosa faccio è ora di andare a dormire! Ma dormire con un topo in casa, non era una grande idea per la sottoscritta, cosi' ho telefonato al padrone di casa che abita al piano superiore e gli ho chiesto di fare qualcosa. Il padrone repentinamente si è presentato a casa e con una flemma britannica ha pensato per cinque minuti a cosa fare. Poi è tornato di sotto con una insalatiera trasparente. Mi son chiesta, ma cossa vorrà mai fare con quella scodella?? Acchiapparlo cosi' e metterlo sotto vetro..ahahaha. Ridevo come una matta. Infine gli ho proposto..ehm..credo che dovremmo mettere delle trappole che ne pensa? Delle Trappole?? Ah, si credo anch'io! Se ne ritorna di sopra e ritorna con una busta piena di trappole e burro di arachidi. Dice che gli piace tanto il burro d'arachidi..a loro..ai topastri..
Piazzate le trappole siamo andati a nanna, ma ovviamente non ho chiuso occhio tutta la notte. L'indomani terrorizzata al pensiero di trovare un cadavere di topo sparso in casa, mi son avviata quatta quatta dalla camera da letto, nell'altra parte della casa e ....non c'era niente, ma proprio niente. Ho pensato, ma vuoi vede' che ho avuto delle allucinazioni? Magari era uno scarafaggio gigante, magari ero io che ero stanca e vedevo macchie nere ..nessuna traccia del topo. Ma le trappole, eh quelle le ho lasciate, nn si sa mai mi son detta. Son andata al lavoro e quando son tornata ho trovato un biglietto del padrone di casa. Il topo, si in effetti c'era eccome e per papparsi il burro d'arachidi s'era chiuso in questa specie di scatolina, da dove per fortuna, illeso è stato liberato poco lontano da qui. Una storia con lieto fine. Io, felice di non avere piu' un musetto squittante in casa e LUI felice di correre nei giardini a rosicchiare quel che gli capita.
A parte la vicenda topesca, devo dire che ho lavorato molto e bene in questa città. I colleghi son stati molto gentili e abbiamo condiviso ottimi pasti e afternoon tea. Ma l'Afternoon tea è roba da ragazze, scusate ma è proprio cosi'. Ma ve l'immaginate questi nerboruti, lowlander, midlander, highlander sorseggiare il te' nelle tazzine di porcellana e passarsi la zuccheriera e il latte e dicendo in continuazione Thank you and Please??
Io proprio no, è veramente weird..direbbero loro. Gli scozzesi signori e signore mie non han nulla a che vedere con gli inglesi. Sono piu' rudi e ruvidi, franchi e maschi dei vicini inglesi. Sarà per questo che il loro orgoglio li fa letteralmente imbestialire quando gli si da degli inglesi?










































































































































































































10 commenti:

Alex e Mari ha detto...

Ho fatto anche io l'esperienza del topo in casa, solo che il mio è rimasto due settimane e io ero sull'orlo di una crisi di nervi. Anche perchè si divertiva ad entrare nei cassetti della cucina, nelle pentole (c'era un buco nello zoccolo della cucina e lui entrava da dietro). Aveva perfino iniziato a farsi il nido in una cocottina in con la carta da forno.
Ogni mattina un incubo aprire i cassetti, lavare tutto.
Sono poi riuscita a beccarlo con le noci. Ma che stress

Hai ragione, l'afternoon tea è cosa per donne. Absolutely :-)

Ciao
Alex

Artemisia Comina ha detto...

scozzesi/inglesi: ma il vallo di adriano dove passava, dimmi un po'? :DD

topino: ho tremato fino alla fine della storia (per lui)...:DDD

sciopina ha detto...

per fortuna il mio ha tolto subito il disturbo...ma ho dovuto sterilizzare tutta la cucina, anche se non c'erano segni evidenti di permanenza..Poverina, mi spiace per te ti sarai veramente massacrata per pulire tutto..
un bacione..

a.o. ha detto...

alle noci non resistono, ve lo ricordate il topolino del film Garfield? pazzo per le macadamia...

Paola ha detto...

No, il topo proprio no, he una vera fobia.....solo il pensiero mi sconvolge, lo so che sono esagerata, ma c'è chi ha paura dei serpenti, dei ragni, beh, io dei topi.....dal mio punto di vista hai un avuto un bel coraggio!!! Il tea time mi piace tanto tanto in Inghilterra e ovunque, fa casa, caldo, tepore e inverno....vivrei in quei paesi solo per quello!! Bacioni grandi!!!

Ady ha detto...

Ma che carino Gerry mouse, ma solo nei cartoni però....ma dimmi unn pò Sciopina questi scozzesi sono tutti come Mel Gibson nel film "Braveheart" ?????
E le leggende metropolitane sul Kilt....hai capito no????
Immagino tu non abbia avuto modo di verificare è ovvio, ma che si dice da quelle aprti, ahahahahah
dai che scherzo però che curiosità!!!!!!
Baci cara, quando torni qui che ci sno anora 26 28 gradi?????

Susina strega del tè ha detto...

Ahhhhhhhhhhhhhhh.... adoro gli scozzesi!! Rudi come il paesaggio che circonda le loro belle città!!! Hi hi hi!!! Vabbè... sono contenta per il topino!!
baci!!!! ^_^

a.o. ha detto...

cara Ady, mi permetto di confermare che la leggenda del "sotto il kilt niente" è realtà. constatata personalmente durante il terzo tempo della partita di rugby italia-scozia, laddove gli aitanti tifosi scotch in abito tradizionale ballavano sui tavoli, fornendo alla platea prove inconfutabili.
hi hi hi

papavero di campo ha detto...

quel topino l'avrei chiamto gigino!

della serie gigino gigetto salta sul tetto!

ma non sul letto!

Gunther ha detto...

che belle immagini che ci mandi dalla scozia, ah i topi io sono abituato ho abitato in campagna per anni avevamo sempre un gatto in casa al qualche non sfugiva mai di allotanarli